[Gruppo del Monte Bianco: Aiguille du Midi]
0 0 0

[Gruppo del Monte Bianco: Aiguille du Midi]

  • Nicht buchbar
  • Gesamtkopien: 1
  • Geliehen: 0
  • Reservierungen: 0

Titel und Beiträge: [Gruppo del Monte Bianco: Aiguille du Midi] / [Autore non identificato]

Veröffentlichung: 1 settembre 1990

Physische Beschreibung: 3 pos. col. su pellicola (diapositive) intelaiati ; 24 x 36 mm

Datum:01-09-1990

Sprache: 0 (Sprache des Texts, Filmmusik, usw.)

Notiz:
  • Serie composta da 3 diapositive su chassis che riportano la data (01/09/90) sullo chassis. La digitalizzazione allegata corrisponde alla diapositiva 001.
  • L'Aiguille du Midi è la guglia più alta (3842 metri) delle Aiguilles de Chamonix, situata nella parte settentrionale del massiccio del Monte Bianco. La prima ascensione della cima Nord fu compiuta il 4 agosto 1818 da Antoni Malczewski, Jean-Michel Balmat e cinque altre guide. La cima Sud, la più elevata, fu invece raggiunta il 5 agosto 1856 da Alexandre Devouassoux, Ambroise e Jean Simond. Riferimenti bibliografici: - 1: Dal Col de la Seigne al Colle del Gigante / Renato Chabod, Lorenzo Grivel, Silvio Saglio ; schizzi di R. Chabod ; fotocolore di S. Saglio. - Milano : Club alpino italiano : Touring club italiano, 1963, p. 426-429.
  • Gian Carlo Grassi nacque a Condove nel 1946. E' stato una guida alpina e un'importante alpinista italiano. La sua attività alpinistica è stata pioneristica, essendo tra i primi in Italia a dedicarsi al cascatismo e all'arrampicata su ghiaccio. A partire dalla fine degli anni Settanta compie molte prime salite su cascate e goulotte in alta montagna. Negli anni settanta fa parte del movimento del "Nuovo Mattino", ambiente in cui frequenta tra gli altri Gian Piero Motti e Danilo Galante. Sono gli anni delle vie d'arrampicata in Valle Orco, sul Caporal e sul Sergent, e dell'arrampicata sui massi erratici della bassa Val di Susa. Verso la fine degli anni settanta Grassi si appassiona alla nascente scalata delle cascate di ghiaccio e ne diviene presto protagonista. Grassi inoltre riesce a portare la tecnica delle cascate in alta montagna e diviene specialista della salita dei cosiddetti couloir fantasma, canaloni dove solo d'inverno la neve e il ghiaccio creano una via di salita. A quarantaquattro anni, ancora nel pieno della sua attività alpinistica, Grassi perde la vita il 1º aprile 1991 dopo aver salito una cascata di ghiaccio sul Monte Bove, nei Monti Sibillini, per il distacco di una cornice di neve. Nel 2011 gli viene dedicato il nuovo Bivacco Giuseppe Lampugnani al colle Eccles (Monte Bianco).

Subjekte:

Bilder: Immagine 1 di

Es gibt 1 Kopien, davon 0 geliehen

Bibliothek Stellung Inventar Zustand Verfügbarkeit Rückkehr
Museo Nazionale della Montagna - CAI - Torino 2.1.876/ 771/ 001- 003 F-17079
Alle zeigen

Letzte eingegebene Rezensionen

Keine Rezension

Code zu integrieren

Den darunter liegende HTML Code auf Ihrer Website kopieren und einfügen.