El «Sì»
0 0 0

El «Sì»

Titel und Beiträge: El «Sì»

Daten der gedruckten Musik: [Testo]

Physische Beschreibung: p. 429-432

Sprache: ita (Sprache des Texts, Filmmusik, usw.)

Werk:
Andere Titel:
  • *Dò baxi a chi trova
Notizen des Inhaltes:
  • Testo: 1. Dò baxi a chi trova parola più bela, più dolze de quela che a mi i m'ha insegnà 2. da picol el sàntolo, mia mama, me pare, la Gigia comare, el barba soldà. 3. Col « sì » se se cresima, col « sì » se va a scola, col « sì » la parola d'onor se se dà. 4. I frati e le mùneghe lo parla in convento; dal mile e doxento i ga scominzià. 5. Ocio, fradei! Za me capì, noi semo tuti zente del « sì »! Scoltème a mi, scoltème a mi, no val le ciacole, ghe vol el « sì ». 6. Al putel apena nato a dir « mama » se ghe inzegna; nol sa niente, ma el se inzegna « mama, mama » a balbetar. 7. Se « papà » non basta, e « mama » se ghe azunze « vin e pan », ma s'el pianze opur se 'l ciama sempre parla in italian. 8. Al bambin apena nato i ghe insegna maiko moja ma la lengua se ghe imbroja: « mama, mama » el torna a dir. 9. E sui banchi de la scola se fadiga e no s'impara, è la lingua la più amara, ben più amara del velen. 10. Lasè pur che i canti e i subi e che i fazi pur afronti ne la patria de Bajamonti no se parla che italian. Traduzione: 1. Due baci a chi trova parola più bella, più dolce di quella che mi hanno insegnato 2. da piccolo il padrino, mia madre, mio padre, la comare Gigia, lo zio soldato. 3. Col « sì » ci si cresima, col « sì » si va a scuola, col « sì » la parola d'onore ci si dà. 4. I frati e le monache lo usano in convento; nel milleduecento hanno cominciato. 5. Attenti, fratelli! Già mi capite, noi siamo tutti gente del « sì »! Ascoltatemi, ascoltatemi, non valgono le chiacchiere, ci vuole il « sì ». 6. Al bambino appena nato si ingegna a dire « mama »; non sa niente, ma si ingegna a balbettare « mama, mama ». 7. Se non bastano « papà » e « mama » vi si aggiunge « vin e pan », ma se piange oppure se chiama parla sempre in italiano. 8. Al bambino appena nato insegnano « maiko moja », ma la lingua gli si imbroglia: « mama, mama » torna a dire. 9. E sui banchi della scuola si fatica e non s'impara, è la lingua la più amara, ben più amara del veleno. 10. Lasciate pure che cantino e fischino e che ci lancino insulti; nella patria di Baiamonti non si parla che italiano. Varianti: 10. Lasè pur che i canti e i subi, e che i beva pur aseo (aceto); ne la patria del Tomaseo no se parla che italian. 10. Lasè pur che i canti e i subi, e che fazi pur bacani (e che facciano pure baccano); ne la patria de Avoscani no se parla che italian. 10. Lasè pur che i canti e i subi e che i fazi pur la spia; ne la patria de Paravia no se parla che italian. 10. Lasè pur che i canti e i subi e che i fazi pur dispeti, ne la patria de Roseti no se parla che italian. Bibliografia: A.V. Savona, M.L. Straniero, Canti della grande guerra, Garzanti, Milano 1981, p. 429.
Alle zeigen

Letzte eingegebene Rezensionen

Keine Rezension

Code zu integrieren

Den darunter liegende HTML Code auf Ihrer Website kopieren und einfügen.