Sacileto me par che l'eres
0 0 0

Sacileto me par che l'eres

Titel und Beiträge: Sacileto me par che l'eres

Daten der gedruckten Musik: [Testo]

Physische Beschreibung: p. 592-595

Sprache: ita (Sprache des Texts, Filmmusik, usw.)

Notizen des Inhaltes:
  • Testo: Sacileto me par che l'eres endue gh'è chel chel laùr dighe che che i füsila i suldà e infati vaca madona vee l'autoambulanza de dré endom lò al [...] brütu diu chèncher me ricorde cumpagn ch'el fès adès gh'era en carabinier amò pü en carabinier en capitane pü grand e pü gros de tè el gh'ia du barbìs che se mè esagere che möre chè sübit lung cosè parla do cue de caàl bianche eh orca ma [...] che prima i ghe lès la sentensa eh lè gh'è 'l pret e prima el ghe fò la cunfesiù chel lasarù e po dop i 'a cupa fo nient el ghe lès la sentensa e lè gh'è sés suldà sé sés i g'à de ési prunt cul s-ciop però lasa al temp quand el lès la sentensa el ghe dis mia fuoco fo i signai fo i signai se spara mia chi sés lè ghè n'è de ater dés u dudes de drè che spara a chi lè cà porcu diu ma tüte li matine gh'ie chela manovra lè, cat la prim matina vo a casa el dis cumandant lé magiùr l'era dove sei stato Renoldi cà dighe su stòt cat el la so apo lü endue su stòt cat dighe so stòt lò endue i füsilaa i suldà oh ma g'ò dit n'ò vist amò mè n'ò vist amò a füsilà e g'ò sitàt per na ventina de matine chela bela berlina lé eh che l'è en laùr de perder la pata che te séntet i suldà a salüdà su mader su pader i putei nom de ü per ü cat te ét a casa cuse öt mangià cat se dis a casa per andà a l'acampament niet te n'ét pô oia de mangià gnà de mangià ah che robe faa cumpasiù puarinèi. — Te ricordet tè en qualdü de chi lè? — Ghe n'era de parma che puarèt iü de parma che l'à salüdà i sò pütei e dop el g'à dit vigliacchi italiani sparate vigliacchi italiani. Traduzione: Mi pare che fosse Sacileto dove c'è quel coso sul quale fucilano i soldati. E infatti (avviene proprio che mentre mi avvio) mi viene dietro l'autoambulanza. Andiamo là al (campo dove fucilano) (e venisse la fine del mondo) mi ricordo come se fosse oggi c'era un carabiniere ancora più (alto e più grosso di te). (Non) un carabiniere... (ma) un capitano più alto e più grosso di te. Aveva due baffi, e se esagero possa morire qui subito, lunghi così (come le mie braccia aperte), sembravano due code di cavallo, ma bianchi, (bianchi). (Qui bisognerebbe bestemmiare perché) prima leggono la sentenza e lì c'è il prete che li confessa, quel lazzarone, e dopo li uccidono. Beh, lasciamo stare. Allora leggono la sentenza, e lì ci sono sei soldati sì, sei debbono essere pronti col fucile, però lasciano il tempo di leggere la sentenza, non dicono subito “Fuoco”, fanno dei segni, fanno dei segnali convenzionali. Se non sparassero quei sei lì ce ne sono altri dieci o dodici che sparano ai primi. E allora avviene che tutte le mattine io dovevo fare quella manovra. E così dopo, quando vado a casa la prima mattina il comandante che era un maggiore mi dice: “Dove sei stato Renoldi?”. (Io che ero arrabbiato perché mi chiedeva una cosa che sapeva) rispondo: “Sono stato... sono stato al posto che lei conosce.” “Eh sì,” dico, “sono stato là dove fucilano i soldati.” (E lui per tutta risposta mi fa:) “(Non facciamo delle storie), ne ho viste, io, di fucilazioni (e non sono poi delle cose così gravi come tu fai vedere).” E (così) ho continuato per una ventina di giorni quella bella berlina lì, che è una cosa da perdere la testa quando senti i soldati salutare sua madre, suo padre, i bambini (chiamandoli per) nome uno alla volta. (Allora quando) vai a casa cosa vuoi mangiare? Si dice a casa per dire all'accampamento. (Non c'è) niente (da fare): non hai volontà di mangiare, nemmeno di mangiare. Erano cose che facevano compassione. “Ti ricordi qualcuno di quelli che sono stati fucilati?” Ce n'era uno di Parma che... poveretto... uno di Parma che ha salutato i suoi bambini e dopo ha detto: “Vigliacchi italiani, sparate vigliacchi italiani.” Bibliografia: A.V. Savona, M.L. Straniero, Canti della grande guerra, Garzanti, Milano 1981, p. 592. Discografia: Addio padre, a cura di P. Boccardo, G. Bosio e T. Savi, I Dischi del Sole, DS 304/6.

Namen:

Alle zeigen

Letzte eingegebene Rezensionen

Keine Rezension

Code zu integrieren

Den darunter liegende HTML Code auf Ihrer Website kopieren und einfügen.