Addio del Gefangene
0 0 0

Addio del Gefangene

Titel und Beiträge: Addio del Gefangene

Daten der gedruckten Musik: [Testo]

Physische Beschreibung: p. 608-609

Sprache: ita (Sprache des Texts, Filmmusik, usw.)

Andere Titel:
  • *Addio, mia bella, addio
Notizen des Inhaltes:
  • Testo: Addio, mia bella, addio, noi canteremo di qua partendo un dì; ma del Gefangenlager non scorderemo quanto si soffrì. Cucchiaio in mano e la forchetta, salame, aringa con la galletta, alla stazione moveremo il piè pieni di gioia, di speranza e fè. Non più sul car bestiame ma in vettura ci faran viaggiare; credendo che il passato con ciò dovremo noi dimenticar. Fischia la macchina, la ruota gira, va lo stantuffo e si ritira. Porca la fame, ecco il treno va verso l'Italia e la libertà! [...] Ma quando un dì calmati saran gli spiriti e la fame già, ritornerà il pensiero ai giorni nostri di captività. Diremo ai figli ed ai fratelli quel che sofferto abbiam da quelli che con la spada fan la libertà sempre in omaggio alla civiltà. Italia, patria mia, tu pur di colpe non sei scevra già; pensare almen dovevi che i tuoi figli eran qui a fischiar. Portiam pazienza, tiriamo avanti, speriam che pacchi ne arrivan tanti; finché a Dio un bel giorno piacerà mandar la pace all'umanità. Bibliografia: M. Griffini, I canti del fante, serie Etico-sociale (Folklore), Istituto Storiografico della Mobilitazione, Alfieri & Lacroix, Roma 1922, pp. 82-83. A.V. Savona, M.L. Straniero, Canti della grande guerra, Garzanti, Milano 1981, p. 608.
Alle zeigen

Letzte eingegebene Rezensionen

Keine Rezension

Code zu integrieren

Den darunter liegende HTML Code auf Ihrer Website kopieren und einfügen.