23 Concours de figures. Champions belges
0 0 0

Chautemps, Guy

23 Concours de figures. Champions belges

  • Nicht buchbar
  • Gesamtkopien: 1
  • Geliehen: 0
  • Reservierungen: 0

Titel und Beiträge: 23 Concours de figures. Champions belges / Guy Chautemps

Veröffentlichung: 25 gennaio - 5 febbraio 1924

Physische Beschreibung: 1 pos. b/n stereoscopia : gelatina bromuro d'argento su vetro ; 4,3 x 10,6 cm

Datum: - -1924

Sprache: fre (Sprache der Bildunterschriften )

Land: fr

Andere Titel:
  • Concorso di figura. Campioni belgi
Notizen des Inhaltes:
  • Nel 1924 lo svedese Gillis Grafström, pattinatore artistico su ghiaccio, vinse la medaglia d'oro del pattinaggio di figura maschile dei Giochi olimpici invernali a Chamonix. Herma Szabo, pattinatrice artistica su ghiaccio austriaca, pluricampionessa mondiale di pattinaggio di figura nel singolo e in coppia negli anni 1920, vinse il primo titolo olimpico femminile della storia dei Giochi olimpici invernali e la coppia austriaca Helene Engelmann Alfred Berger l'oro nel pattinaggio di figura a coppie.
  • La nascita dei Giochi olimpici invernali nel 1924 a Chamonix è stato un evento senza precedenti nella storia dello sport, in quanto non ebbe, a differenza dei Giochi olimpici estivi, ispirati alla Grecia antica, nessun evento storico analogo a cui riferirsi. Fu prima di tutto il frutto della modernità e allo stesso tempo il risultato di un’impresa audace, che dovette superare molte insidie ed ebbe le caratteristiche di un’avventura umana stupefacente nella quale si impegnarono, sin dal 1894, personalità straordinarie provenienti dalle Alpi francesi, italiane e svizzere. La settimana Internazionale degli Sport Invernali fu un autentico regalo fatto alla Francia e agli sport invernali, che presto sarebbero diventati olimpici e fu organizzata dal Comitato Olimpico Nazionale Francese, con il patrocinio del CIO. Chamonix dovette garantire una quantità di neve sufficiente e un’effettiva qualità del ghiaccio, dato che le piste di pattinaggio all'epoca erano naturali, senza trascurare la capacità ricettiva; infatti la località savoiarda contava ventidue alberghi, di cui tre di lusso, il Majestic, il Savoy-Palace e lo Chamonix-Palace e poteva dare alloggio a 5000 turisti. Su 416 iscritti alla competizione, parteciparono 258 atleti di cui 247 uomini e 11 donne per nazioni, e la stella dei Giochi fu incontestabilmente lo sciatore finlandese Clas Thunberg, che vinse cinque medaglie nelle cinque gare di pattinaggio di velocità, di cui tre d’oro. L'autore della documentazione fu Guy Chautemps, fratello di Camille, ministro francese in carica durante l'edizione dei Giochi del 1924. Cfr. Chamonix 1924: l'inverno diventa olimpico / a cura di Alain Arvin-Bérod, Torino : Museo nazionale della montagna Duca degli Abruzzi : Club alpino italiano, Torino, Cahier 184, 2013. Catalogo della mostra con sede a Torino, Museo nazionale della montagna, 22 novembre 2013 - 6 aprile 2014, pp. 7-14.
Notiz:
  • Chamonix 1924 : l'inverno diventa olimpico / a cura di Alain Arvin-Bérod, Torino : Museo nazionale della montagna Duca degli Abruzzi : Club alpino italiano, Torino, Cahier 184, 2013. Catalogo della mostra con sede a Torino, Museo nazionale della montagna, 22 novembre 2013 - 6 aprile 2014, p. 44
  • Reportage fotografico della I edizione dei Giochi Olimpici invernali

Namen:

Subjekte:

Bilder: Immagine 1 di

Es gibt 1 Kopien, davon 0 geliehen

Bibliothek Stellung Inventar Zustand Verfügbarkeit Rückkehr
Museo Nazionale della Montagna - CAI - Torino 2.2.31/ 23 F-6022
Alle zeigen

Letzte eingegebene Rezensionen

Keine Rezension

Code zu integrieren

Den darunter liegende HTML Code auf Ihrer Website kopieren und einfügen.