CATALOGO UNICO DEI BENI CULTURALI DEL MUSEO NAZIONALE DELLA MONTAGNA - CAI-TORINO
BIBLIOTECA NAZIONALE CAICENTRO DOCUMENTAZIONE MUSEOMONTAGNA
 CINETECA STORICA E VIDEOTECA MUSEOMONTAGNA
 BIBLIOTECHE SEZIONALI DEL CLUB ALPINO ITALIANO

  

 

 


Include: all following filters
× Subject Alpinismo - Memorie
Include: none of the following filters
× Names Douglas, Ed

Found 11 documents.

Alpinismo a tempo pieno
0 0 0
Modern Books

Metzeltin, Silvia

Alpinismo a tempo pieno / Silvia Metzeltin Buscaini

[Milano] : Dall'Oglio, 1984

In vetta senza scorciatoie
0 0 0
Modern Books

Viesturs, Ed

In vetta senza scorciatoie / Ed Viesturs ; con David Roberts ; traduzione di Chiara Brovelli

Milano : Corbaccio, 2007

Abstract: Per diciott'anni Ed Viesturs ha inseguito il sogno di ogni alpinista: raggiungere la cima dei 14 ottomila senza l'aiuto dell'ossigeno. In vetta senza scorciatoie è la storia della realizzazione del suo sogno.

È buio sul ghiacciaio
0 0 0
Modern Books

Buhl, Hermann <1924-1957>

È buio sul ghiacciaio / Hermann Buhl ; [traduzione di Irene Affentranger]

Nuova ed.

Milano : Melograno, 1984

La via della montagna
0 0 0
Modern Books

Traverso, Goretta

La via della montagna : un cammino possibile / Goretta Traverso

Ivrea : Priuli & Verlucca, [2008]

Paradigma

Abstract: Tutte le manifestazioni della natura sono fonte di insegnamento; quindi sono molte le vie che l'uomo può percorrere per conoscere se stesso: una di queste è la via della montagna, forse la più ardua. La montagna come mezzo per cercarsi o per sfuggirsi: la montagna come maestra di vita. Ande peruviane e patagoniche, Himalaya, Karakorum, Montagne Rocciose, Alpi e non solo. Attraverso il mondo fantastico e severo dei monti - tra ghiacciai e picchi altissimi scintillanti nei giorni di sole, cupi quando scure nubi li avvolgono - l'autrice racconta un viaggio dell'anima, le tappe di un vissuto che hanno contribuito, nella gioia e nel dolore, a renderla una persona più completa, più vera.

Quattordici volte ottomila
0 0 0
Modern Books

Pasaban, Edurne

Quattordici volte ottomila : superare se stessi per vincere la sfida più grande / Edurne Pasaban ; con la collaborazione di Josep Maria Pinto ; traduzione di Silvia Bogliolo

Milano : Corbaccio, 2012

Exploits

Abstract: Ho raccontato più volte che la sfida dei quattordici ottomila è nata con una storia d'amore e lo strano è che le mie parole sono sempre state interpretate in senso figurato, quando invece erano reali. Ma forse non è poi così strano, visto che quanto mi accingo a dire adesso non l'ho quasi mai rivelato... Un libro confessione, questo di Edurne Pasaban, una fra i maggiori interpreti dell'himalaysmo contemporaneo, che racconta di un'adolescenza trascorsa più fra i boschi e le montagne che in discoteca e che prosegue con l'ineluttabilità di una passione invincibile: quella per l'alpinismo. Una passione che non le ha impedito di laurearsi in ingegneria e di lavorare per anni nell'azienda di famiglia prima di fare dell'alpinismo la sua professione, una scelta quasi obbligata per chi matura la determinazione di salire tutti i quattordici ottomila. Perché Edurne Pasaban ha deciso da subito di non entrare nel mondo della roccia e del free climbing, ma di puntare all'alpinismo affascinante e avventuroso degli ottomila. La sfida più ardua, soprattutto per una donna che si muove in un ambiente tradizionalmente maschile e ancora machista, ma in cui Edurne Pasaban ha saputo imporsi con autorevolezza tecnica, spirito di sacrificio e con la propria femminilità.

Alpi Liguri primo amore
0 0 0
Modern Books

Gregoli, Silvano <1940- >

Alpi Liguri primo amore / Silvano Gregoli

Torino : Cda e Vivalda, 2004

Abstract: Prendete un uomo molto giovane. Inoculategli un virus di montagna maligno e tenace. Quando il giovane si ammalerà d'amore per i monti di casa sua, esiliatelo per vent'anni in un paese grigio, piatto, senza vento, senza polvere, senza sole e senza luna. Lì verrà amputato della terza dimensione e costretto a vedere e a pensare orizzontale. Applicategli poi un supplemento di pena da scontare in paesi ancora più lontani, su continenti remoti. In tutto saranno trentacinque lunghissimi anni durante i quali il mondo sfilerà davanti alle sue montagne oscurandole tutte. È accaduto a Silvano Gregoli, sopravvissuto grazie all'ostinata scrittura di storie di montagna: piccole perle di autodifesa nate in momenti di acuta nostalgia.

Alpinismo acrobatico
0 0 0
Modern Books

Rey, Guido <1861-1935> - Rey, Guido <1861-1935>

Alpinismo acrobatico / Guido Rey ; prefazione di Angelo Manaresi

Nuova ed. sotto gli auspici della sezione di Torino del CAI

Torino : Montes, 1933

  • Not reservable
  • Total items: 3
  • On loan: 0
  • Reservations: 0
Pan e pera
0 0 0
Modern Books

Manera, Ugo <1939- >

Pan e pera : autobiografia / Ugo Manera

Torino : Cda e Vivalda, 2003

Abstract: Che cosa c'è dietro quel soprannome, Pan e Pera, con cui Ugo Manera è conosciuto nell'ambiente alpinistico torinese? Neppure lui, il destinatario, ha ricordi chiari. Sta di fatto che quel Pan e Pera, l'equivalente in dialetto piemontese di pane e pietra, fissa efficacemente la smodata passione di Manera per l'arrampicata e definisce le due anime di uno scalatore tra i più attivi del dopoguerra. Il pane Ugo fin da giovanissimo se lo guadagna in fabbrica, prima come operaio, poi con incarichi via via di maggior responsabilità. La pietra, quella delle montagne di molti angoli del pianeta, lo vede protagonista di innumerevoli salite, raccontate in questo volume.

Vietato volare
0 0 0
Modern Books

Bizzarro, Paolo <1949-2005>

Vietato volare / Paolo Bizzarro

Torino : Cda e Vivalda, 2005

Abstract: Corde legate direttamente ai fianchi, che se volavi potevi romperti le costole, ma se andava male crepavi; pareti di cinquecento metri dove se trovavi due chiodi in tutto potevi dirti fortunato, se no pazienza; un paio di moschettoni appesi alla cintura, un martello in tasca e via pedalare; uno zaino di tela verde, dentro il quale la cosa più importante da infilare era una buona dose di coraggio. In condizioni del genere - rievoca l'autore - la sola regola che (forse) ci avrebbe consentito di arrivare alla pensione era quella di non cadere mai. Gli alpinisti dicono non volare. Questo è anche il criterio che ha ispirato il titolo del volume e funge da chiave alle avventure autobiografiche di Paolo Bizzarro.

Colpevole d'alpinismo
0 0 0
Modern Books

Urubko, Denis <1973- >

Colpevole d'alpinismo / Denis Urubko ; prefazione di Simone Moro

Scarmagno (Torino) : Priuli e Verlucca, 2010

Abstract: Denis Urubko è oggi un dei più grandi interpreti dell'alpinismo mondiale per la tipologia e la difficoltà delle sue salite realizzate in puro stile alpino. Fuoriclasse di origini russe, dopo una prima forte passione per il teatro e la recitazione, Urubko si forma alpinisticamente sulle montagne del Caucaso, severe, selvagge e difficilmente accessibili, poi nell'isola di Sachalin e infine si trasferisce in Kazakistan nel 1993, inseguendo un sogno. All'arrivo della cartolina militare, disertore in patria ed esule in Kazakistan, Urubko cerca di entrare a fare parte del gruppo sportivo dell'esercito kazako, noto per essere l'unico reparto d'alpinismo di tutta l'ex Unione Sovietica. Vive momenti molto difficili prima di riuscire a ottenere il permesso di residenza, essere infine arruolato e dedicarsi a tempo pieno all'alpinismo. Nel 1999 conosce Simone Moro, con il quale instaura subito un rapporto di grande stima e reciproco rispetto. È con Simone che conosce prima le Alpi e poi muove i primi passi in Himalaya e Karakorum, teatro delle sue più importanti dichiarazioni di stile. Uno stile pulito, alpino, per realizzazioni ideali su linee eleganti, prime assolute, prime invernali, in solitaria e in velocità. In questo libro Urubko ci racconta le sue prime grandi imprese, per lo più salite solitarie e in velocità, nei territori dell'ex Unione Sovietica, in ambienti molto selvaggi, poco frequentati, dove le temperature scendono fino a decine di gradi sotto zero.

La via d'uscita
0 0 0
Modern Books

Batard, Marc <1951- >

La via d'uscita : confessioni intime di un alpinista estremo / Marc Batard ; prefazione di Gianni Vattimo

Torino : CDA & Vivalda, 2007

Abstract: Ho incominciato ad arrampicare a diciott'anni, e m'interessava solo il record: andare più veloce, andare meglio... La montagna mi affascinava. Era l'ambiente magico dove potermi finalmente distinguere, uscire dal gregge, essere qualcuno e non semplicemente il piccolo Batard con le orecchie a sventola che a scuola, durante la ricreazione, tutti prendevano in giro. Così inizia il racconto della vita di Marc Batard, alpinista tanto dotato quanto discusso, carattere ruvido, enigmatico, difficile. E straordinariamente coraggioso: non tanto per le scalate (eccezionali), quanto perché - cosa più unica che rara nell'ambiente degli eroi della montagna - ha saputo riconoscere e manifestare la propria omosessualità e dunque accettare se stesso.