Include: none of the following filters
× Level Serials
× Languages German
Include: all following filters
× Material Printed

Found 26 documents.

Sciare in un mondo fragile
0 0 0
Modern linguistic material

Tosi, Marco Emanuele

Sciare in un mondo fragile : quattro amici sul filo della crisi climatica / Marco Emanuele Tosi

Gignese (VB) : Monte Rosa, 2021

Molti friends e alcuni nuts
0 0 0
Modern linguistic material

Battimelli, Gianni

Molti friends e alcuni nuts / Gianni Battimelli

Roma : Edizioni del Gran Sasso, 2021

La voie des guerriers du rocher
0 0 0
Modern linguistic material

Ilgner, Arno <1973- > - Roussel, Renaud

La voie des guerriers du rocher : préparation mentale pour grimpeurs / Arno Ilgner ; traduit de l'anglais (États-Unis) par Renaud Roussel

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc,, 2021

Le lezioni della montagna
0 0 0
Modern linguistic material

Confortola, Marco

Le lezioni della montagna / Marco Confortola

Milano : Sperling & Kupfer, 2021

Montagna maestra di vita
0 0 0
Modern linguistic material

Holzer, Michael <giornalista> - Haselböck, Klaus

Montagna maestra di vita : sulle orme di Viktor Frankl / Michael Holzer, Klaus Haselböck ; con una prefazione di Daniele Bruzzone ; traduzione di Valeria Montagna

Milano : Corbaccio, 2021

Exploits

Ai confini dell'Artico
0 0 0
Modern linguistic material

Pitzer, Andrea

Ai confini dell'Artico : la storia delle incredibili imprese di Willem Barents: il primo europeo a spingersi così a nord / Andrea Pitzer

Roma : Newton Compton, 2021

I volti della storia ; 605

L'apprentissage du risque
0 0 0
Modern linguistic material

Grévoz, Daniel

L'apprentissage du risque : l'alpinisme en 1900 : récit / Daniel Grévoz

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2020

Le guide et le procureur
0 0 0
Modern linguistic material

Dallest, Jacques - Decamp, Erik - Mallon, Alexis

Le guide et le procureur / Jacques Dallest, Erik Decamp, Alexis Mallon

Les Houches : Editions du Mont-Blanc, 2020

Bleau blocs
0 0 0
Modern linguistic material

Denys, Stephan

Bleau blocs : 100 des plus beaux blocs de Bleau / Stéphan Denys

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2020

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0
Andare in montagna è tornare a casa: scritti sulla natura selvaggia
0 0 0
Modern linguistic material

Muir, John <1838-1914>

Andare in montagna è tornare a casa: scritti sulla natura selvaggia / John Muir ; [traduzione di Caterina Bernardini]

2. ed.

[S.l.] : Piano B, 2020

Valzer per un amico
0 0 0
Modern linguistic material

Ferrari, Erminio <1959-2020>

Valzer per un amico : racconti / Erminio Ferrari

Verbania : Tararà, 2020

Storie ; 24

Sotto sotto tutto è perfetto
0 0 0
Modern linguistic material

Valente, Gianni

Sotto sotto tutto è perfetto / Gianni Valente

Torino : Neos, stampa 2020

Le nostre storie

Non sono un'alpinista
0 0 0
Modern linguistic material

Di_Beaco, Bianca

Non sono un'alpinista / Bianca Di Beaco ; a cura di Giambattista Magistris e Luciano Riva

[S.l. : s.n.], 2020 (Valmadrera : Editoriale grafica Colombo)

Tra zero e ottomila
0 0 0
Modern linguistic material

Diemberger, Kurt <1932- >

Tra zero e ottomila : le mie avventure intorno al mondo / Kurt Diemberger

Milano : Ulrico Hoepli, 2020

Stelle alpine ; 9

Le mal des montagnes
0 0 0
Modern linguistic material

Daleau, Pascal

Le mal des montagnes : l'acclimatation à la haute altitude / Pascal Daleau

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2020

Abstract: Il mal di montagna è rimasto a lungo una malattia misteriosa e purtroppo lo è ancora oggi per un buon numero di turisti e alpinisti, a loro discapito. Tuttavia, per più di un secolo, medici e fisiologi hanno cercato di chiarire questo problema. In effetti, si può dire oggi che stiamo iniziando ad avere un'idea abbastanza precisa dei meccanismi che hanno maggiori probabilità di causare il mal di montagna e dei comportamenti efficaci che si dovrebbero avere durante il suo sviluppo. Alcuni studi hanno dimostrato che a un'altitudine di 4000 m, circa il 50% degli alpinisti o dei trekker ce l'ha. Bisogna comunque sapere che questa malattia rimane abbastanza benigna per una stragrande maggioranza di loro, ma in certi casi, generalmente a causa di un'ignoranza sull'identificazione o sul comportamento da seguire, la situazione può peggiorare al punto da presentare un possibile rischio di morte.

Delitti alle Traversette
0 0 0
Modern linguistic material

Crunchant, Nicolas

Delitti alle Traversette : circo mortale all'ombra del Monviso / Nicolas Crunchant

Saluzzo : Fusta, 2020

Intrecci verticali

1829 viaggio all'Ararat
0 0 0
Modern linguistic material

Parrot, Friedrich <1791-1841>

1829 viaggio all'Ararat / Friedrich Parrot ; traduzione e note Paolo Ascenzi ; prefazione di Kurt Diemberger ; con un saggio di Aldo Ferrari

Roma : Edizioni del Gran Sasso, 2020

Lake district climbs
0 0 0
Modern linguistic material

Glaister, Mark

Lake district climbs / Mark Glaister

[S.l.] : Rockfax, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0
L'homme des tempêtes
0 0 0
Modern linguistic material

Lapouge, Vincent

L'homme des tempêtes : Jean-Claude Marmier, soldat, alpiniste, pionnier des raids et du trail : récit / Vincent Lapouge

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2019

Abstract: Biografia di Jean-Claude Marmier, soldato, alpinista e ultratrail. Si diplomò all’École spéciale militaire de Saint-Cyr, una delle più note accademie militari della nazione, e proseguì la carriera militare fino a raggiungere il grado di tenente colonnello. Scelse la Fanteria Alpina di Briançon, l’Ecole Militaire de Haute Montagne di Chamonix e la Montlouis sui Pirenei in modo da coniugare il “lavoro” con l’amore per la montagna. Negli anni settanta fondò il Groupe militaire de haute montagne (Gmhm), fucina di tantissimi talenti. Fu inoltre uno degli ideatori del Piolet d’Or, il noto premio sportivo considerato da molti il massimo riconoscimento alpinistico a livello mondiale. Nel 1969 con Jean-Louis Mercadié aprì la Voie des Plaques sulla parete nord-occidentale dell’Ailefroide (3954 metri), considerata ancora oggi una delle vie più difficili del Massiccio degli Écrins. Due anni più tardi Marmier era sulla nord delle Grandes Jorasses, dove con Georges Nominé compì la prima salita invernale della normale di Punta Croz (4110 metri). A consacrarlo definitivamente fu la prima invernale della Diretta sulla parete nord della Meije (3983 metri), compiuta nel 1973 con Christian Exiga. Negli anni successivi si fece notare soprattutto come componente delle cordate di diverse prime invernali: nel 1977 la Couzy-Desmaison de l’Olan e il versante est delle Grandes Jorasses, nel 1978 l’Aiguille Noire de Peuterey e la direttissima della parete nord dell’Eiger. Gli anni ottanta, gli ultimi della carriera alpinistica, furono dedicati alle spedizioni in India, Alaska e Nepal. Nel 1990 il tenente colonnello fu nominato presidente del Groupe de haute montagne (Ghm) e l’anno successivo ideò con Guy Chaumereuil, allora caporedattore della rivista francese Montagnes, un premio per la migliore impresa alpinistica: il Piolet d’Or. Fu infatti il 1991 l’anno in cui fu istituito il premio sportivo, assegnato a partire dal 1992 dalla rivista francese Montagnes e dal Ghm e da una giuria composta da alpinisti e giornalisti. Riconoscimento alpinistico che divenne ben presto il più conosciuto a livello mondiale.

Puncak Jaya
0 0 0
Modern linguistic material

Fabre, Jean <1949- >

Puncak Jaya : deux alpinistes en territoires papous : récit / Jean Fabre

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2018

Abstract: Nel 1979, Jean Fabre e Bernard Domenech sono riusciti nella prima salita francese del punto più alto del continente oceanico, il Monte Carstensz o Puncak-Jaya, situato a Irian-Jaya, la parte occidentale parte della Nuova Guinea. Questa vetta sperduta nella giungla, e la cui altitudine è prossima ai 5.000 m, è stata scalata solo cinque volte. Nel 1979 a Irian fu dichiarato lo stato di emergenza. I papuani vittime di abusi furono cacciati dai loro territori e agli stranieri non fu permesso di praticare il turismo, figuriamoci l'alpinismo, ma Jean Fabre e Bernard Domenech riuscirono comunque a compiere la loro ascensione. Questa clandestinità aggiunge un grande pizzico di avventura, offrendo alla loro storia una riflessione sull'alpinismo equatoriale e il colonialismo in Nuova Guinea.