Include: none of the following filters
× Country Germany
× Languages English
Include: all following filters
× Date 2019

Found 10 documents.

Portugal's rota vicentina
0 0 0
Modern linguistic material

Price, Gillian

Portugal's rota vicentina : the historical way and fishermen's trail / by Gillian Price

Kendal : Cicerone, 2019

Catalogna on the road
0 0 0
Modern linguistic material

Monner Faura, Jordi

Catalogna on the road : 23 favolosi viaggi su strada / edizione scritta e aggiornata da Jordi Monner Faura

Torino : EDT, 2019

Lonely planet

Islanda
0 0 0
Modern linguistic material

Averbuck, Alexis

Islanda / Alexis Averbuck... [et al.]

10. ed. italiana

Torino : EDT, 2019

Slovenia
0 0 0
Modern linguistic material

Baker, Mark <1950- > - Lee, Jessica - Ham, Anthony

Slovenia / Mark Baker, Anthony Ham, Jessica Lee

9. ed. italiana

Torino : EDT, 2019

Lonely planet

Sos Appennino
0 0 0
Modern linguistic material

Zuppa, Giuliano

Sos Appennino : indagine socio-territoriale in un'area interna reatina / Giuliano Zuppa

Milano : Angeli, 2019

Sociologia del territorio ; 1562.50

Misteri, avventure e magiche creature
0 0 0
Modern linguistic material

Rossi, Alberta

Misteri, avventure e magiche creature : la Val di Fassa tra fantasia e realtà / Alberta Rossi ; illustrazioni di Elena Corradini

Trento : Curcu Genovese, 2019

Atlas obscura
0 0 0
Modern linguistic material

Thuras, Dylan - Mosco, Rosemary

Atlas obscura : guida alle avventure per giovani esploratori coraggiosi / Dylan Thuras e Rosemary Mosco ; illustrazioni di Joy Ang

Milano : Electakids, 2019

Abstract: Cari esploratori, state per immergervi in un libro di grandi avventure, alla scoperta di 100 luoghi della terra e degli oceani nei quali si osservano incredibili fenomeni della natura, del regno animale e della civiltà degli uomini. Partirete dall'Islanda e arriverete in Cina, poi, all'improvviso, sarete catapultati in Canada fino a ritrovarvi in Cile. In questo fantastico viaggio potrete esplorare la grotta di cristalli in Messico, visitare la caverna più grande del mondo in Vietnam. Vi affaccerete su una cascata alta più di 108 metri in Zambia, e scoprirete perché le Cascate di sangue in Antartide hanno quel colore misterioso. Altri luoghi insoliti vi aspettano! Preparate lo zaino, raccogliete le energie e... via! Vi attende un mondo pieno di opportunità nascoste. Buon viaggio! Età di lettura: da 8 anni.

Le più belle storie e leggende delle Dolomiti
0 0 0
Modern linguistic material

Dibona, Dino

Le più belle storie e leggende delle Dolomiti : tradizioni, credenze e folklore nella storia delle montagne più belle del mondo / Dino Dibona

2. ed.

Roma : Newton Compton, 2019

Tradizioni italiane ; 294

L'homme des tempêtes
0 0 0
Modern linguistic material

Lapouge, Vincent

L'homme des tempêtes : Jean-Claude Marmier, soldat, alpiniste, pionnier des raids et du trail : récit / Vincent Lapouge

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2019

Abstract: Biografia di Jean-Claude Marmier, soldato, alpinista e ultratrail. Si diplomò all’École spéciale militaire de Saint-Cyr, una delle più note accademie militari della nazione, e proseguì la carriera militare fino a raggiungere il grado di tenente colonnello. Scelse la Fanteria Alpina di Briançon, l’Ecole Militaire de Haute Montagne di Chamonix e la Montlouis sui Pirenei in modo da coniugare il “lavoro” con l’amore per la montagna. Negli anni settanta fondò il Groupe militaire de haute montagne (Gmhm), fucina di tantissimi talenti. Fu inoltre uno degli ideatori del Piolet d’Or, il noto premio sportivo considerato da molti il massimo riconoscimento alpinistico a livello mondiale. Nel 1969 con Jean-Louis Mercadié aprì la Voie des Plaques sulla parete nord-occidentale dell’Ailefroide (3954 metri), considerata ancora oggi una delle vie più difficili del Massiccio degli Écrins. Due anni più tardi Marmier era sulla nord delle Grandes Jorasses, dove con Georges Nominé compì la prima salita invernale della normale di Punta Croz (4110 metri). A consacrarlo definitivamente fu la prima invernale della Diretta sulla parete nord della Meije (3983 metri), compiuta nel 1973 con Christian Exiga. Negli anni successivi si fece notare soprattutto come componente delle cordate di diverse prime invernali: nel 1977 la Couzy-Desmaison de l’Olan e il versante est delle Grandes Jorasses, nel 1978 l’Aiguille Noire de Peuterey e la direttissima della parete nord dell’Eiger. Gli anni ottanta, gli ultimi della carriera alpinistica, furono dedicati alle spedizioni in India, Alaska e Nepal. Nel 1990 il tenente colonnello fu nominato presidente del Groupe de haute montagne (Ghm) e l’anno successivo ideò con Guy Chaumereuil, allora caporedattore della rivista francese Montagnes, un premio per la migliore impresa alpinistica: il Piolet d’Or. Fu infatti il 1991 l’anno in cui fu istituito il premio sportivo, assegnato a partire dal 1992 dalla rivista francese Montagnes e dal Ghm e da una giuria composta da alpinisti e giornalisti. Riconoscimento alpinistico che divenne ben presto il più conosciuto a livello mondiale.

Puncak Jaya
0 0 0
Modern linguistic material

Fabre, Jean <1949- >

Puncak Jaya : deux alpinistes en territoires papous : récit / Jean Fabre

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2018

Abstract: Nel 1979, Jean Fabre e Bernard Domenech sono riusciti nella prima salita francese del punto più alto del continente oceanico, il Monte Carstensz o Puncak-Jaya, situato a Irian-Jaya, la parte occidentale parte della Nuova Guinea. Questa vetta sperduta nella giungla, e la cui altitudine è prossima ai 5.000 m, è stata scalata solo cinque volte. Nel 1979 a Irian fu dichiarato lo stato di emergenza. I papuani vittime di abusi furono cacciati dai loro territori e agli stranieri non fu permesso di praticare il turismo, figuriamoci l'alpinismo, ma Jean Fabre e Bernard Domenech riuscirono comunque a compiere la loro ascensione. Questa clandestinità aggiunge un grande pizzico di avventura, offrendo alla loro storia una riflessione sull'alpinismo equatoriale e il colonialismo in Nuova Guinea.