Sono un povero disertore
0 0 0

Pigarelli, Luigi

Sono un povero disertore

Titre et contributions: Sono un povero disertore : (Lombardia) / armonizzazione L. Pigarelli

Description physique: P. 82

Langue: ita (Langue du texte, du film, etc.)

Notes de contenu:
  • Testo: 1. Ero povero ma disertore e disertai dalle mie frontiere, è Ferdinando l'imperatore che mi ha perseguità. 2. Valli e monti ho scavalcato e dai gendarmi ero inseguito, quando una sera mi addormentai e mi svegliai incatenà. 3. Incatenato le mani e i piedi e in tribunale mi hanno portato, ed il pretore mi ha domandato: « Perché mai sei incatenà? » 4. Io gli risposi francamente: « Camminavo per la foresta quando un pensiero mi viene in testa: di non fare mai più il soldà. » 5. Caro padre, che sei già morto, e tu, madre, che vivi ancòra, se vuoi vedere tuo figlio alla tortura condannato senza ragion. 6. O compagni che marciate, che marciate al suon della tromba, quando sarete là sulla mia tomba griderete pietà di me! Variante: 1. Sono un povero disertore, valicai le mie montagne, ché Ferdinando l'imperatore el me ha perseguità. 2. Dalle guardie io ero seguìto, valli e monti io pur scavalcai, ma una sera che mi addormentai mi svegliai incatenà. 3. Con catene alle mani ed ai piedi in prigione mi han trasportato: « Sono un povero vecchio soldato, e perché sono qui prigionier? » 4. O mio padre, perché tu sei morto? E tu, madre, perché vivi ancòra? Gemo in ceppi, ma non mi ristora la condanna ch'è senza ragion. Variante (adattamento dei partigiani): 1. Sono povero ma disertore e disertavo per la foresta quando un pensiero mi vien, mi viene in testa di non fare mai più il soldà. 2. Monti e valli ho scavalcato e dai fascisti ero inseguito quando una sera m'ado... m'adormentai e mi svegliai incatenà. [...] 6. O soldati che marciate, che marciate al suon della tromba, quando sarete su la... su la mia tomba griderete pietà di me. Bibliografia: P. Jahier, V. Gui, Canti di Soldati, Casa musicale Sonzogno, Milano 1919, p. 14. M. Griffini, I canti del fante, serie Etico-sociale (Folklore), Istituto Storiografico della Mobilitazione, Alfieri & Lacroix, Roma 1922, p. 50. R. Leydi, I canti popolari italiani (scelti e annotati con la collaborazione di Sandra Mantovani e Cristina Pederiva), Mondadori, Milano 1973, pp. 361 e sgg. P. Fugazza, Di qua e di là dal Serio, Carrara, Bergamo 1976. A. Pedrotti, L. Pigarelli, Canti della montagna, Edizioni Foto f.lli Pedrotti, Trento-Bolzano, p. 37. A.V. Savona, M.L. Straniero, Canti della grande guerra, Garzanti, Milano 1981, p. 572. Discografia: Il povero soldato, n. 2, trascrizione di Vittorio Gui e Pietro Jahier, gruppo del Nuovo Canzoniere Italiano (Fausto Amodei, Sandra Mantovani e M.L. Straniero), I Dischi del Sole, DS 13. O Gorizia tu sei maledetta, antologia di canti contro la guerra, I Dischi del Sole, DS MC/7. Ci ragiono e canto, rappresentazione popolare in due tempi su materiale originale curato da C. Bermani e F. Coggiola, regia di D. Fo, I Dischi del Sole, DS 119/21 e DS MC/2. Maledetta la guerra e i ministri, a cura di S. Boldini, Duo di Piadena, disco Cetra, serie Folk, LPP 316.

Noms:

Tout voir

Dernières critiques insérées

Aucune critique

Intégrer le code

Copiez et collez le code HTML ci-dessous sur votre site.