[Fondo Fotocromie]
0 0 0

P.Z. [Photochrom Zürich] - Detroit Publishing Co. - Schroeder & Cie

[Fondo Fotocromie]

Titre et contributions: [Fondo Fotocromie] / [Autori vari]

Publication: [1890-1920 circa]

Description physique: 394 pos. col. dal 8,8 x 13,7 cm al 78 x 57 cm : fotocromie ; supporto secondario dal 18,2 x 24,9 cm al 78 x 56,6 cm

Date:1890-1920

Langue: ita (Langue du texte, du film, etc.)

: 405 titoli Afficher la liste Afficher en recherche
Note:
  • Il fondo Fotocromie è catalogato attraverso 405 schede descrittive delle 394 pos. col.: fotocromie di formati compresi tra la cartolina ( 8,8 x 13,7 cm ) e il formato Extra (78 x 57 cm). Le stampe sono condizionate all'interno di buste trasparenti, raccolte in scatole identificate con collocazione n. 2.1.622 a 2.1.631, 2.1.721 e 2.1.735. Gli esemplari sono identificati con numero di inventario: da F-9205 a F-9599. I formati maggiormente rappresentati nel fondo sono il il formato cartolina; ft I, II, III, VI; Panorama piccolo (17,2 x 45,6 cm), medio (52,2 x 21,5 cm), grande (23,2 x 68 cm), Extra. In alcuni casi le stampe sono incollate su supporti secondari di dimensione dal 18,2 x 24,9 cm al 78 x 56,6 cm. Le stampe riportano al recto del supporto primario o sul supporto secondario iscrizioni tipografiche con numero di inventario, indicazioni didascaliche e titolo, copyright o editore (in alcuni casi identificato con logo dell'azienda). Le cartoline presenti sono in gran parte non viaggiate, ma si trovano anche esemplari di cartolina viaggiata con timbro di spedizione, francobollo, iscrizioni a inchiostro manoscritte al verso. Lo stato di conservazione è complessivamente buono, anche se in alcuni casi le iscrizioni tipografiche risultano sbiadite e poco leggibili.
  • Le schede riportano il riferimento al primo catalogo di vendita della Photoglob Co. in cui compare lo stesso numero di catalogo (indicato con il n. di identificazione originario assegnato dalla Zentralbibliothek di Zurigo dove sono conservati) e al "Bulletin Photoglob", rivista mensile bilingue (tedesco e francese) edita dalla Photoglob Co. dal 1896 al 1906 per pubblicizzare le proprie fotografie e specialmente le fotocromie, con l'indicazione specifica dell'anno-mese in cui il soggetto è stato pubblicato tra le novità in catalogo, entrambi consultati come fonti per la datazione dei fototipi. Cfr: L'impressione del colore: montagne in fotocromia, 1890-1910 / a cura di Veronica Lisino, Torino : Museo nazionale della montagna Duca degli Abruzzi: CAI-Torino, 2012.
  • Le indicazioni autoriali sono in gran parte relative alle case editrici e distributrici delle stampe. In alcuni casi è possibile risalire all'autore delle riprese. L'azienda maggiormente rappresentata è la Photochrome e Photoglob, identificata nel corso degli anni attraverso diverse sigle e loghi. Dal 1895 la Photochrom Company of Detroit, dal 1897 Detroit Photographic Company, diventa una succursale della Photoglob Co., operando esclusivamente sul territorio degli Stati Uniti e del Canada. La Detroit Photographic Co. dal 1905 cambiò nome in Detroit Publishing Co. Salvo eccezioni, il marchio con la sigla «P. Z.» inscritta in un globo terrestre venne utilizzato probabilmente a partire dal 1910 per le stampe in fotocromia (mentre per le cartoline dal 1903 ca) e riportato sui cataloghi a partire dal 1911 (cfr. Catalogo del 1911). Wehrli AG Kilchberg, studio fotografico con sede nei pressi di Zurigo, nato nel 1904 dalla fusione di Gebrüder Wehrli (i fratelli Bruno, Arthur, Harry) attivi dalla metà degli anni Novanta dell’Ottocento, con Bachmann di Lucerna. Sembra che nel 1920 lo studio Wehrli avesse acquistato una quota di partecipazione nella Photoblog Co. e nel 1924 dalla fusione tra le due società nacque la Photoglob-Wehrli & Co. AG. Dal 1870 al 1878 William Henry Jackson fu uno dei fotografi ufficiali della spedizione United States Geological and Geographical Survey of the Territories, arruolato dal geologo Ferdinand V. Hayden. Lo stesso fotografo americano nel 1897 si unì alla Detroit Photographic Company, arricchendo l'archivio dell'agenzia di circa 10.000 negativi di paesaggio americano (ma anche vedute dell’Europa, del Nord Africa, dell'Asia e dell'India).
  • I soggetti raffigurati sono eterogenei e riportano paesaggi montani e vedute cittadine della Svizzera, Francia, Austria e Italia, riprese delle prime infrastrutture realizzate per potenziare le vie di comunicazione e il turismo soprattutto nell'area svizzera, riprese dei parchi naturali americani. La zona maggiormente rappresentata risulta la Svizzera, per paesaggi e scene di alpinismo nell'area alpina, vedute delle città e dei laghi di Lucerna, Lugano, Zermatt ovvero i passi alpini del Sempione e del Gottardo, tratti delle principali linee ferroviarie e alberghi costruiti in corrispondenza delle stazioni per agevolare lo sviluppo del turismo locale. Il territorio italiano è rappresentato principalmente attraverso vedute della città di Torino e Trento con i principali monumenti; riprese della funicolare vesuviana, dei laghi di Garda e Maggiore; paesaggi delle Dolomiti venete e trentine. L'area austriaca è per lo più rappresentata attraverso paesaggi tirolesi; quella francese attraverso riprese di prime ascensioni sul Monte Bianco, con paesaggi dei ghiacciai e delle vette del massiccio. Sono presenti anche paesaggi dei Monti Tatra e dei parchi nazionali americani, in particolare fenomeni naturali e cascate nel Parco di Yellowstone e in Colorado. I titoli delle stampe sono scritti in inglese, tedesco e francese e riportati come da originale nel titolo della scheda.
  • Formati delle fotocromie, non montate: Misure (intere) in cm (ca) I = 12x17 II = 16x22 (formato standard) III = 21x27 IV = 28x37 V = 35x46 VI = 42x52 VII = 50x65 Panorama piccolo = 16x42 Panorama medio = 17x60 Panorama grande = 22x63 Extra = da 30x84 a 60x90
  • Nei casi in cui due esemplari si trovano incollati sullo stesso supporto secondario si è realizzata anche una scheda di serie comprendente le due individuali. I casi sono i seguenti: 2.1.624/103-104; 2.1.625/163-164; 2.1.626/181-182, 183-184, 185-186, 187-188, 189-190, 192-193, 194-195, 196-197, 198-199, 201-202, 203-204, 206-207, 209-210, 211-212, 213-214, 215-216, 217-218, 219-220, 223-224, 225-226, 227-228, 229-230; 2.1.627/232-233, 235-236, 238-239, 240-241, 242-243; 2.1.629/273-274. In particolare, nei casi in cui uno dei due esemplari incollati sullo stesso supporto secondario non è una fotocromia, la serie è inclusa nel fondo Fotocromie per il solo esemplare realizzato con la tecnica della fotocromia. Le suddette schede sono indicate con i seguenti id: 93688, 93694, 93771, 93819, 93907, 93677.

Noms:

Sujets:

Tout voir

Dernières critiques insérées

Aucune critique

Intégrer le code

Copiez et collez le code HTML ci-dessous sur votre site.