Affiche tous: Aucun des filtres suivants
× Langues ger
× Niveau s
× Pays it

Trouvés 17 documents.

La voie des guerriers du rocher
0 0 0
Livres modernes

Ilgner, Arno <1973- > - Roussel, Renaud

La voie des guerriers du rocher : préparation mentale pour grimpeurs / Arno Ilgner ; traduit de l'anglais (États-Unis) par Renaud Roussel

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc,, 2021

Gravir les Alpes du XIXe siècle à nos jours
0 0 0
Livres modernes

Gravir les Alpes du XIXe siècle à nos jours : Pratiques, émotions, imaginaires / sous la direction de Patrick Clastres, Delphine Debons, Jean-François Pitteloud, Grégory Quin

Rennes : Presses universitaires de Rennes, 2021

Belledonne escalade
0 0 0
Livres modernes

Tassan, Lionel

Belledonne escalade / Lionel Tassan

[Marseille] : VTOPO, 2020

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0
Arctic ice climbing
0 0 0
Livres modernes

Dramsdahl, Christian

Arctic ice climbing : 93 ice climbing routes in the interior and coastal regions of Northern Norway / Christian Dramsdahl

Oslo : Fri Flyt AS, 2020

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0
Tome 1: L'avant-pays, le lac du Bourget
0 0 0
Livres modernes

Tome 1: L'avant-pays, le lac du Bourget / a cura di David Laurent

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0
L'apprentissage du risque
0 0 0
Livres modernes

Grévoz, Daniel

L'apprentissage du risque : l'alpinisme en 1900 : récit / Daniel Grévoz

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2020

Le guide et le procureur
0 0 0
Livres modernes

Dallest, Jacques - Decamp, Erik - Mallon, Alexis

Le guide et le procureur / Jacques Dallest, Erik Decamp, Alexis Mallon

Les Houches : Editions du Mont-Blanc, 2020

Bleau blocs
0 0 0
Livres modernes

Denys, Stephan

Bleau blocs : 100 des plus beaux blocs de Bleau / Stéphan Denys

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2020

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0
Le mal des montagnes
0 0 0
Livres modernes

Daleau, Pascal

Le mal des montagnes : l'acclimatation à la haute altitude / Pascal Daleau

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2020

Résumé: Il mal di montagna è rimasto a lungo una malattia misteriosa e purtroppo lo è ancora oggi per un buon numero di turisti e alpinisti, a loro discapito. Tuttavia, per più di un secolo, medici e fisiologi hanno cercato di chiarire questo problema. In effetti, si può dire oggi che stiamo iniziando ad avere un'idea abbastanza precisa dei meccanismi che hanno maggiori probabilità di causare il mal di montagna e dei comportamenti efficaci che si dovrebbero avere durante il suo sviluppo. Alcuni studi hanno dimostrato che a un'altitudine di 4000 m, circa il 50% degli alpinisti o dei trekker ce l'ha. Bisogna comunque sapere che questa malattia rimane abbastanza benigna per una stragrande maggioranza di loro, ma in certi casi, generalmente a causa di un'ignoranza sull'identificazione o sul comportamento da seguire, la situazione può peggiorare al punto da presentare un possibile rischio di morte.

Lake district climbs
0 0 0
Livres modernes

Glaister, Mark

Lake district climbs / Mark Glaister

[S.l.] : Rockfax, 2019

  • Réservation impossible
  • Copies totales: 1
  • En prêt: 0
  • Réservations: 0
L'homme des tempêtes
0 0 0
Livres modernes

Lapouge, Vincent

L'homme des tempêtes : Jean-Claude Marmier, soldat, alpiniste, pionnier des raids et du trail : récit / Vincent Lapouge

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2019

Résumé: Biografia di Jean-Claude Marmier, soldato, alpinista e ultratrail. Si diplomò all’École spéciale militaire de Saint-Cyr, una delle più note accademie militari della nazione, e proseguì la carriera militare fino a raggiungere il grado di tenente colonnello. Scelse la Fanteria Alpina di Briançon, l’Ecole Militaire de Haute Montagne di Chamonix e la Montlouis sui Pirenei in modo da coniugare il “lavoro” con l’amore per la montagna. Negli anni settanta fondò il Groupe militaire de haute montagne (Gmhm), fucina di tantissimi talenti. Fu inoltre uno degli ideatori del Piolet d’Or, il noto premio sportivo considerato da molti il massimo riconoscimento alpinistico a livello mondiale. Nel 1969 con Jean-Louis Mercadié aprì la Voie des Plaques sulla parete nord-occidentale dell’Ailefroide (3954 metri), considerata ancora oggi una delle vie più difficili del Massiccio degli Écrins. Due anni più tardi Marmier era sulla nord delle Grandes Jorasses, dove con Georges Nominé compì la prima salita invernale della normale di Punta Croz (4110 metri). A consacrarlo definitivamente fu la prima invernale della Diretta sulla parete nord della Meije (3983 metri), compiuta nel 1973 con Christian Exiga. Negli anni successivi si fece notare soprattutto come componente delle cordate di diverse prime invernali: nel 1977 la Couzy-Desmaison de l’Olan e il versante est delle Grandes Jorasses, nel 1978 l’Aiguille Noire de Peuterey e la direttissima della parete nord dell’Eiger. Gli anni ottanta, gli ultimi della carriera alpinistica, furono dedicati alle spedizioni in India, Alaska e Nepal. Nel 1990 il tenente colonnello fu nominato presidente del Groupe de haute montagne (Ghm) e l’anno successivo ideò con Guy Chaumereuil, allora caporedattore della rivista francese Montagnes, un premio per la migliore impresa alpinistica: il Piolet d’Or. Fu infatti il 1991 l’anno in cui fu istituito il premio sportivo, assegnato a partire dal 1992 dalla rivista francese Montagnes e dal Ghm e da una giuria composta da alpinisti e giornalisti. Riconoscimento alpinistico che divenne ben presto il più conosciuto a livello mondiale.

Puncak Jaya
0 0 0
Livres modernes

Fabre, Jean <1949- >

Puncak Jaya : deux alpinistes en territoires papous : récit / Jean Fabre

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2018

Résumé: Nel 1979, Jean Fabre e Bernard Domenech sono riusciti nella prima salita francese del punto più alto del continente oceanico, il Monte Carstensz o Puncak-Jaya, situato a Irian-Jaya, la parte occidentale parte della Nuova Guinea. Questa vetta sperduta nella giungla, e la cui altitudine è prossima ai 5.000 m, è stata scalata solo cinque volte. Nel 1979 a Irian fu dichiarato lo stato di emergenza. I papuani vittime di abusi furono cacciati dai loro territori e agli stranieri non fu permesso di praticare il turismo, figuriamoci l'alpinismo, ma Jean Fabre e Bernard Domenech riuscirono comunque a compiere la loro ascensione. Questa clandestinità aggiunge un grande pizzico di avventura, offrendo alla loro storia una riflessione sull'alpinismo equatoriale e il colonialismo in Nuova Guinea.

Alpenglow
0 0 0
Livres modernes

Tibbetts, Ben - Tibbetts, Ben - Fabre, Valentine

Alpenglow : les plus belles voies sur les 4000 des Alpes / photographies, dessins et récits par Ben Tibbetts ; [traduit de l'anglais par Valentine Fabre]

Résumé: Dopo quasi un decennio di scalate sulle 82 vette alpine ufficialmente riconosciute di 4.000 m, Ben Tibbetts condivide con noi la sua selezione delle vie più belle delle Alpi. Per ogni vetta scalata, descrive la propria esperienza, intrecciata con estratti dai racconti storici dei primi scalatori.

Chamonix-Langtang
0 0 0
Livres modernes

Pili, Pierre <1983-. >

Chamonix-Langtang : le témoignage d'un médecin du secours en montagne dans les Alpes et en Himalaya : journal / Pierre Pili

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2018

Résumé: Partito per il Nepal per formare professionisti tibetani prima del terribile terremoto dell'aprile 2015, Pierre Pili testimonia attraverso aneddoti, racconti di soccorso e riflessioni sui diversi problemi e risorse tra l'Himalaya e le Alpi, tra Europa e Asia . Tutti, guide, sherpa e medici francesi, sono accomunati da un unico obiettivo. Vivere in montagna. Salvare vite.

La montagne sous presse
0 0 0
Livres modernes

Ballu, Yves <1943- >

La montagne sous presse : 200 ans de drames et d'exploits / Yves Ballu

[S.l.] : Éditions du Mont-Blanc, 2018

Résumé: Un altro modo per ripercorrere la storia dell'alpinismo. Tra le persone e le montagne, è una storia lunga, vecchia di diversi secoli - e sicuramente molto più antica di quelle della stampa, anche della tipografia. Senza dubbio i nostri antenati hanno raccontato le loro imprese. Oggi abbiamo solo scritti - manoscritti, libri e giornali - per ripercorrere la storia dell'alpinismo. E il confronto tra queste diverse forme di espressione - non è privo di interesse. Nella stampa l'evento è trattato a caldo, in modo diretto, a volte brutale. Nei libri, la forma è più raffinata, l'argomento più maturo, la notizia prende la posa - diventa "presentabile". Tuttavia, è la stessa montagna. Il modello è rimasto pressoché intatto, salvo qualche frana, e nonostante una inesorabile decrepitezza della sua calotta di ghiaccio. Possiamo quindi apprezzare a nostro piacimento le “interpretazioni” delle generazioni successive e misurarne l'evoluzione. Yves Ballu, grande collezionista di libri, giornali, foto di montagne, ce lo dimostra in questo libro.

Fontainebleau
0 0 0
Livres modernes

Modica, Gilles - Godoffe, Jacky <1956- >

Fontainebleau : 100 ans d'escalade / Gilles Modica, Jacky Godoffe ; [préface Catherine Destivelle]

Les Houches : Edtions du Mont Blanc, 2017

Résumé: Fontainebleau, il più bello, il più ricco e il più vasto dei terreni d'avventura. Popolata da alberi di oltre 500 anni, disseminata di massi di arenaria e sabbie risalenti a oltre 35 milioni di anni, la foresta è stata abitata dall'uomo per quasi 40.000 anni. Ha ispirato pittori, della Barbizon School, Cézanne…, scrittori, poeti, romanzieri. Da quasi un secolo le sue rocce attirano gli appassionati di arrampicata. Agli inizi del 1900 furono utilizzati come allenamento per gli appassionati di alpinismo. Oggi il bouldering è l'attività più moderna dell'arrampicata e gli alpinisti di tutto il mondo frequentano la foresta di Fontainebleau.

La montagne à la une
0 0 0
Livres modernes

Bonhème, Philippe

La montagne à la une : Paris-Match 60 ans de reportages / texte de Philippe Bonhème ; avec Catherine Destivelle

Les Houches : Éditions du Mont-Blanc, 2016